• Marco Sanlorenzo

Madagascar: il bilancio dell'epidemia di morbillo

Aggiornato il: 4 giorni fa

L'epidemia di morbillo è continuata durante tutto l'anno e l'ultimo bilancio ufficiale pubblicato segnala oltre 205.000 casi di infezione confermata e circa 2000 morti, per lo più bambini. Questi dati sono sicuramente sottostimati, poiché molti casi si sono avuti in località isolate e non segnalati e poi ci sono le migliaia di decessi secondari dovuti alle patologie che hanno colpito molti pazienti sopravvissuti all'infezione morbillosa, a causa della riduzione delle difese immunitarie determinata proprio dal virus stesso, come malaria, broncopolmoniti o diarree. Anche nella nostra struttura di Isoanala abbiamo avuto una mortalità alta tra i bambini certamente favorita dalle disastrose condizioni generali che presentavano all'arrivo.


La siccità nel Sud Madagascar è la più grave degli ultimi 35 anni e ci interessa da vicino perché confiniamo proprio con la regione desertica. Da qui arrivano molti gravi ammalati che cercano di raggiungerci e fino ad ora siamo riusciti a garantire tutte le prestazioni di base. La siccità porterà ovviamente un aumento di ammalati a causa della conseguente carenza alimentare.


L'ospedale funziona bene e recentemente è arrivato un nuovo medico a rimpiazzare quello precedente che aveva deciso di trasferirsi; il personale paramedico è al completo.


Nel corso del 2020 cercheremo di prestare maggiore attenzione a delle micro realizzazioni nelle strutture periferiche (dispensari, ambulatori già esistenti e gestite da diverse Congregazioni religiose), cercando di dotarle di una minima strumentazione di base per depistare le principali patologie. In tale maniera si potrà riuscire anche a curare in loco gli ammalati, senza costringerli a faticosi e onerosi spostamenti che sono per lo più rifiutati dai familiari vista l'impossibilità economica sostenere tali spese.


#madagascar #isoanala

© 2017 by Degio for H&T Onlus - Created with Wix.com

H&T Onlus: htonlus@pec.it oppure contatti