La sanità in Paraguay

01/01/2008

Il paese è diviso in due zone. Quella orientale (il Chaco) che corrisponde alle regioni dell'Alto Chaco, di Boquern e del Presidente Hayes dove si può dire esistono le quattro stagioni e una occidentale che corrisponde alle regioni di San Pedro, Canindeyù, Caaguazù, Alto Paranà, Paraguarì, Caazapa, Itapua, Misiones, Cordillera Central, Neembucu, Concepcion, dove alla stagione secca (maggio-agosto), si alterna la stagione delle piogge (settembre-aprile), dove cadono circa in media 1,2 metri cubi di acqua. L'acqua piovana è raccolta in invasi di terra e in apposite cisterne, e serve durante i mesi secchi per tutto e tutti. La temperatura sale fino a 42-43°C durane la stagione secca e fino a 10-15° nella stagione piovosa durante la notte.

 

Le due regioni sono divise dal fiume Paraguay che poi si unisce al fiume Paranà. Il fiume Paraguay è molto pescoso e navigabile, al nord divide il paese dal Brasile. Al sud unisce le sue acque al rio Panamà. In vicinanza di Ciudad del Este, sul versante brasiliano, le acque del rio Paranà formano le cascate che tutti noi abbiamo ammirato nel film Mission, mentre su quello paraguagio, sono state convogliate in una enorme diga che produce energia elettrica per tutto il paese e anche per il Brasile. Attenzione però: per accordi siglati da politici del passato, ancora oggi l'energia idroelettrica prodotta, è venduta al Basile per soli 2 dollari contro un prezzo corrente di mercato di 40!!! Tutti sperano che il nuovo presidente Lugo, modifichi tali accordi!

 

I brasiliani, comunque, con gli argentini, hanno da tempo sfruttato questo paese. Infatti solo l'1% dell'intera superficie paraguagia è nelle mani dei paraguagi, il rimanente appartiene a grossi latifondisti brasiliani e argentini. Anche qui molte sono le speranze risposte nel presidente Lugo per un'equa ridistribuzione della Terra. 


La sanità è pubblica solo in limitata parte. 
1. Ospedali pubblici con varie specialità sono presenti solo nelle grosse città (Assuntion, Conception, Ciudad dell'Est,…). 
2. Le medicine di base sono distribuite gratuitamente dal governo, che li invia nei dispensari medici. Nonostante l'alta incidenza di diabete 2° tipo nella popolazione paraguagia, non sono distribuiti antidiabetici orali e ancor meno insulina. Non ci sono farmaci per urgenze: nitro derivati, atropina, adrenalina, cortisonici, eparina, …. 
3. I farmaci non ci è dato di sapere per quale motivo, non arrivano in modo uniforme ovunque, per cui la farmacia dell'ambulatorio di Puerto Casado era molto rifornita, quella di Carmelo Peralta, era molto povera 
4. A Carmelo Peralta i medici non chiedono un "ticket" per le loro prestazioni, ma riferiscono che la gente "volontariamente" lascia loro una mancia che va a rimpinguare il magro stipendio governativo. A Puerto Casado invece il ticket fissato per tutti è di 5.000 guarany (circa 0,8 euro).
5. Chi ha un lavoro, può accedere agli ospedali gratuitamente, chi non lavora ha diritto solo all'urgenza, tutto il resto lo dovrebbe pagare, ma se non ha lavoro… Quindi un parto cesario è gratuito, il trattamento di un ernia inguinale per esempio è a pagamento. Non esiste qui un problema di denutrizione. Nel Chaco esiste un problema di malnutrizione, di carenze alimentari. Per esempio molti bimbi in particolare gli indigeni, hanno problemi di carie per carenze di calcio (anche per scarsa igiene ovviamente) o anemie per carenza di ferro e verosimilmente di folico (mangiano poco carne e frutta). Nel Chaco non c'è malaria, né Dengue e pochi casi di febbre gialla nei paesi più prossimi al Brasile. Febbre Gialla e Dengue sono presenti invece nel Paraguay occidentale. C'è Tbc e lebbra. Nel Chaco non ci sono molti dati sul problema di malattie sessualmente trasmesse semplicemente perché non c'è possibilità di fare esami. C'è molta scabbia e tra i bambini le più frequenti malattie sono quelle respiratorie e gastrointestinali.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Ultime news
Please reload

Ricerca tramite Tags
Please reload

Ricerca tramite Categoria
Please reload

© 2017 by Degio for H&T Onlus - Created with Wix.com

H&T Onlus: contatti